Assistenza e riparazione computer

Perchè pulire regolarmente il computer dalla polvere

Molti di noi riservano alla propria automobile come minimo una manutenzione annuale. Anche il tuo computer (sia esso un desktop o portatile) necessita d’un certo livello di manutenzione, al fine di fornire il massimo delle prestazioni e di vivere più a lungo.

La polvere è un potente nemico per la corretta ventilazione del tuo computer, ma non di meno provvedere anche alla sostituzione della pasta termica applicata tra la CPU e il dissipatore.

All’inizio la polvere si raccoglie lentamente, ma una volta che si è annidata nelle prese d’aria del tuo computer, quantità esponenziali di questa sostanza iniziano a soffocare la vita dei componenti della tua macchina.

Perchè pulire regolarmente computer : polvere annidata

Cosa può comportare un computer pieno di polvere e con la pasta termica vecchia?

Può sembrare un’esagerazione ma la polvere può surriscaldare e bruciare un componente della scheda madre di un computer.

Il surriscaldamento è molto dannoso per il tuo computer.

Per prima cosa provoca dei rallentamenti in quanto i componenti del tuo pc andrebbero a lavorare sotto sforzo, ed i sensori presenti sulla motherboard diminuirebbero automaticamente le prestazioni.

Inoltre potrebbe causare crash di sistema e addirittura dei spegnimenti improvvisi perché, nel momento in cui i sensori di un computer rilevano una temperatura interna troppo alta, effettuano automaticamente lo spegnimento del computer per evitare che si comprometta qualche componente.

Andiamo come secondo consiglio ad illustrare prima lo scopo e il funzionamento di un gruppo di raffreddamento e della pasta termica.

Perchè pulire regolarmente computer : gruppo raffreddamento

Il gruppo di raffreddamento è un insieme di rame e alluminio in un blocco unico, con una ventola di raffreddamento.

Il gruppo di raffreddamento viene posto a contatto con la CPU, la parte di unione è costituita da rame, invece tutto il resto è in alluminio.

Vengono impiegate queste due materie perché dissipano molto bene il calore, andando quindi a abbassare la temperatura della CPU.

Il blocco di raffreddamento è composto da lamelle stratificate al fine di migliorare l’efficacia di raffreddamento (in quanto aumenta il rapporto superficie/volume). La ventola aumenta il flusso di circolazione dell’aria.

Con questo in testa, andiamo a vedere come pulire il computer dalla polvere in modo semplice e veloce.

Ogni quanto devo pulire il mio computer dalla polvere?

Tutto dipende dall’anzianità del tuo computer.

Se hai appena acquistato il tuo pc, basta una volta o due all’anno e non c’è bisogno di aprirlo, basta soffiare esternamente sulle bocche d’uscita dell’aria calda, solo con aria compressa  e nient’altro, prestando molta attenzione ad invertire continuamente il senso di rotazione con l’aria per non bruciare la ventola.

Quando invece il tuo computer è un po’ più vecchio, quindi ha più di due anni, dovresti iniziare a considerare anche una pulizia interna in base a quanto lo utilizzi, dove lo tieni e di che tipo di computer stiamo parlando.

Posso utilizzare una bomboletta spray per pulire il computer?

No! Mai e poi mai!

Di aria compressa proprio non vi è traccia all’interno, ma piuttosto, queste bombolette contengono gas liquefatti altamente infiammabili e nocivi.

Come pulire il computer dalla polvere?

Non importa quanto duramente cerchiamo di mantenere pulito il nostro pc, qualunque cosa facciamo, la polvere dell’aria si depositerà sempre sul computer, impedendogli di funzionare correttamente.

Abbiamo raccolto alcuni suggerimenti su come pulire facilmente il computer dalla polvere e dallo sporco con l’aiuto di alcuni oggetti facilmente reperibili.

Pulire lo schermo del pc con un panno ad hoc

Per rimuovere la polvere dal monitor di un computer a casa, le persone spesso usano salviette ruvide o di carta. Ma poi una grande quantità di lanugine si attacca allo schermo, cade e entra nella tastiera. Inoltre, asciugamani di carta e tessuto ruvido lasciano macchie e, peggio ancora, piccoli graffi sullo schermo.

Solo un panno in microfibra è adatto per la pulizia del monitor!

Questo tipo di tessuto non lascia pelucchi ed è abbastanza morbido da non graffiare la superficie dello schermo.

Liquidi da poter utilizzare

Non utilizzare prodotti contenenti alcol, ammoniaca o acetone.

Questi liquidi aggressivi possono rimuovere la vernice dai pulsanti e possono facilmente danneggiare il monitor, specialmente se è coperto da un rivestimento antiriflesso.

Per preparare un fluido detergente a casa, mescola acqua ed aceto bianco in proporzioni 2 parti di acqua, 1 parte di aceto.

Utilizzare questa soluzione per inumidire leggermente (ma non immergere!) Il panno in microfibra che si utilizza per la pulizia del proprio computer, dopo averlo strizzato bene bene e con molta forza.

Soffiare via la polvere

  • Lo sporco e la polvere possono essere facilmente rimossi da una tastiera con l’aiuto di un comune asciugacapelli?  Per prima cosa soffiare l’unità solo con aria fredda.
  • Scollegare il PC ed estrarre i cavi dalle prese di corrente.
  • Rimuovere le pareti laterali della custodia con un cacciavite.

Rimuovere la polvere da luoghi difficili da raggiungere

Per espellere la polvere da luoghi difficili da raggiungere è possibile utilizzare un comune aspirapolvere per rimuovere la polvere visibile da un computer fisso.

Perchè pulire regolarmente computer : rimozione polvere punti difficili

 Rimuovere la polvere dalle tastiere dei portatili.

La prossima volta che pulisci la casa, e “qualcuno” ti consiglia di aspirare la tastiera, l’unità di sistema e gli altoparlanti, NON ripeto NON utilizzare l’aspirapolvere !! Il primo rischio è quello di sganciare i tasti, strappandoli dalle sedi. All’interno dei tasti c’è un cavaliere

Perchè pulire regolarmente computer : rimozione tasti

in doppio attacco di plastica, che difficilmente si può reinserire.

Hai capito come pulire il tuo computer dalla polvere?

In questa piccola guida abbiamo visto insieme alcuni metodi fai da te per pulire il computer dalla polvere. Noi di PC SAVE siamo esperti nella pulizia di un computer dalla polvere, operiamo su tantissimi brand ed in tutta Italia.

Se pensi di non esserne in grado oppure hai semplicemente paura di fare danni, non esitare a contattarci.  La diagnosi e il preventivo sono gratuiti e senza impegno!

Effettuiamo inoltre assistenza computer a Roma su moltissimi brand, la diagnosi e preventivo sono sempre gratuiti e senza impegno.

Riparare Touchscreen Laptop

Il touchscreen del laptop non funziona

Il touchscreen del tuo laptop non funziona senza motivo? Non fatevi prendere dal panico.

Noi di PC-SAVE, assistenza computer roma, riceviamo tanti clienti che ogni giorno si presentano con il touchscreen del loro computer che non funziona. Ovviamente se lo schermo è fisicamente rotto, prendiamo subito la gestione per risolvere il problema. Ma nel caso ci sia un malfunzionamento del touchscreen, quello che consigliamo sono delle semplici procedure per provare a risolvere il problema in maniera autonoma.
In questo articolo ti daremo 5 soluzioni che potrai provare per aggiustare il touchscreen del tuo laptop che improvvisamente non funziona più.

Come ripristinare il touchscreen del laptop che non funziona più

Per ripristinare il touchscreen del tuo laptop ci sono vari tentativi che puoi fare autonomamente, andiamo a vedere quali:

  • Riavviare il tuo laptop
  • Riattivare il touchscreen
  • Aggiornare il driver del touchscreen
  • Calibrare il touchscreen (ove prevista la funzione)
  • Configurare le impostazioni di risparmio energia

Tentativo 1: riavviare il tuo laptop

Dal momento che molti problemi tecnici possono essere risolti riavviando il pc, non fa mai male riavviare il computer. A volte è sufficiente per riparare il touchscreen del laptop che non funziona più.

Dopo il riavvio, esegui dei test sul touchscreen sul tuo laptop per vedere se funziona ed ha ripreso la sua funzionalità.

Tentativo 2: riattivare il touchscreen

Se il touchscreen del laptop smette di funzionare all’improvviso, è possibile riattivarlo e il problema potrebbe risolversi. potrebbe essersi disattivato, riattivandolo il problema potrebbe risolversi

Questo è un metodo efficace che funziona per molte casistiche.

Ecco cosa devi fare:

  1. Sulla tastiera, premi il tasto logo Windows e R contemporaneamente per richiamare la casella Esegui.
  2. Digita devmgmt.msc e fai clic su OK.
  3. In Gestione dispositivi, fare doppio clic su Dispositivi di interfaccia umana per espandere la categoria.
  4. Fare clic con il tasto destro sul touchscreen conforme a HID, quindi selezionare Disabilita.
  5. Se viene visualizzato un messaggio popup per confermare, fare clic su Sì per confermare.
  6. Quindi, nella stessa schermata Gestione dispositivi, fai clic con il pulsante destro del mouse sullo schermo sensibile conforme a HID, quindi seleziona Abilita.

Nota: potrebbe esserci più di un touchscreen conforme a HID elencato lì. In tal caso, completa i passaggi 4) -5) per ciascun dispositivo.

Riprovare e vedere se il touchscreen funziona.

Se il problema del touchscreen persiste, non preoccuparti. C’è qualcos’altro che si può fare.

Tentativo 3: aggiornare il driver del touchscreen

Un driver del touchscreen mancante o obsoleto può causare il mancato funzionamento del touchscreen sui laptop, pertanto è necessario aggiornare il driver del touchscreen per risolverlo.

Esiste un modo per aggiornare il driver del touchscreen: manualmente.

Aggiornare manualmente il driver

Puoi visitare il sito web del produttore del tuo touchscreen, trovare l’ultimo driver corretto, quindi scaricarlo ed installarlo sul tuo computer.

Assicurati di scaricare quello compatibile con il sistema operativo Windows nel tuo computer.

Tentativo 4: calibrare il touchscreen (ove presente la funzione)

È possibile configurare la penna o i display touch calibrando nuovamente il touchscreen. Questo è un altro modo per risolvere il problema del touchscreen non funzionante.

Fare così:

  1. Apri il Pannello di controllo sul tuo laptop e visualizza per categoria.
  2. Fai clic su Hardware e Suoni.
  3. Fare clic su Calibra schermo per input penna o tocco nella sezione Impostazioni del Tablet PC.
  4. Nella scheda Schermo, fai clic su Calibra.
  5. Seguire le istruzioni visualizzate per completare l’installazione.
  6. Salvare i dati di calibrazione e riavviare il laptop.

Prova ad utilizzare nuovamente il touchscreen e verifica se funziona.

Tentativo 5: configurare le impostazioni di risparmio energia

Il sistema Windows consente al laptop di spegnere alcuni dispositivi hardware al fine di risparmiare energia, pertanto il touchscreen potrebbe essere spento dalle impostazioni di risparmio energia.

Per modificare le impostazioni, attenersi alla seguente procedura:

  1. Sulla tastiera, premi il tasto logo Windows e R contemporaneamente per richiamare la casella Esegui.
  2. Digitare devmgmt.msc e fare clic su OK. Quindi apparirà Gestione dispositivi.
  3. Fare doppio clic su Human Interface Devices e fare clic con il tasto destro del mouse sullo schermo sensibile conforme a HID, quindi selezionare Proprietà.
  4. Fai clic sulla scheda Risparmio energia in alto e deseleziona la casella accanto a Consenti al computer di spegnere questo dispositivo per risparmiare energia. Quindi fare clic su OK per salvare le modifiche.
  5. Riavvia il dispositivo e verifica se il touchscreen funziona ora.

Nota: potrebbe esserci più di un touchscreen conforme a HID elencato lì. In tal caso, completa i passaggi 3) -4) per ciascun dispositivo.

Sei riuscito a ripristinare il touchscreen del tuo laptop che non funzionava più?

Dopo aver fatto questa attenta analisi passo passo su come riparare il touchscreen del tuo laptop che non funziona, dovresti aver chiaro come muoverti.

Noi di PC SAVE siamo esperti nella riparazione touchscreen dei computer, operiamo su tantissimi brand ed in tutta Italia.

Se vedi che, dopo aver letto la nostra guida, non riesci comunque a far funzionare il touchscreen del tuo computer, non esitare a contattarci. La diagnosi e il preventivo sono gratuiti e senza impegno!

Effettuiamo inoltre assistenza computer a Roma su moltissimi brand, la diagnosi e preventivo sono sempre gratuiti e senza impegno.

Riparazione schermo computer 17

Conviene riparare un computer o acquistarne uno nuovo?

Può essere frustrante provare a rimanere al passo con le ultime e le più recenti nuove tecnologie. Ogni cosa sembra essere obsoleta non appena la porti a casa. Quando si tratta di sistemi informatici, può essere difficile dire quando è necessario sostituire un pc rispetto a quando è possibile ripararlo.

In questa guida andremo ad analizzare i pro e i contro che dovresti affrontare quando pensi di dover riparare o acquistare un computer.

Riparare un computer: Il computer attuale riesce ancora a soddisfare i nostri bisogni?

Uno dei fattori da analizzare quando si vuole decidere se riparare o comprare un computer è se riesce ancora a soddisfare le tue esigenze. Che sia un portatile da gaming o da ufficio, bisogna comprendere se ciò che abbiamo tra le mani sia ancora in grado di soddisfare a pieno le nostre necessità.

Magari il tuo pc non funziona correttamente perchè è abbastanza datato, oppure ha perso di velocità, la memoria ormai è arrivata al massimo o tantissimi altri motivi. Per questo, la decisione che devi prendere deve essere il più immediata possibile.

Nel periodo che intercorre dalla scelta finale, ovvero se acquistare un nuovo pc o riparare il tuo vecchio computer, prova a stilare un budget totale per l’acquisto e un altro per quanto riguarda invece la riparazione.

Qual è la natura del problema?

Il fattore più ovvio che dovresti prendere in considerazione quando decidi se riparare o sostituire un computer spesso si riduce al costo relativo della spesa. Ma questa valutazione non è così semplice come sembra. In alcuni casi, potrebbe essere possibile aggirare il problema anziché risolverlo.

Ad esempio, lo schermo del tuo pc si è rotto. È impossibile da usare perché non è possibile leggere nulla sul display, ma tralasciando questo problema, il computer funziona correttamente.

Le tue opzioni potrebbero essere quelle di riparare il tuo computer sostituendo lo schermo o quella di comprare un nuovo laptop. Oppure potresti essere in grado di connettere il tuo laptop a un monitor esterno e continuare a usarlo.

Qualunque sia la scelta finale, è importante confrontare quanto ti costerà per risolvere il problema all’attuale “valore di mercato” del computer, nonché quanto costerebbe sostituire l’apparecchiatura.

Noi di PC SAVE,Centro Certificato Assistenza Computer a Roma siamo esperti nella riparazione computer, operiamo su tantissimi brand ed in tutta Italia. Siamo in grado di togliervi ogni dubbio (gratis e senza nessun impegno attraverso una diagnosi gratuita), riguardo la convenienza economica e fattibilità di una riparazione rispetto all’acquisto di un computer nuovo.

La riparazione dello schermo rotto sopra menzionato, ad esempio, potrebbe costare 150€, ma se al momento il laptop vale circa 200€, allora è evidente che forse non conviene poi così tanto ripararlo.
Potresti riuscire a sostituire il laptop con un modello più recente a poche centinaia di euro in più.

Ma come vedremo di seguito, ci sono altri costi nascosti di cui potresti non renderti conto, i quali sono necessari da prendere in considerazione nella decisione finale.

Noi di PC SAVE offriamo assistenza per la riparazione del tuo vecchio pc!

Acquistare un pc nuovo: quanto è vecchio il tuo pc attuale?

L’età del tuo pc è in realtà un fattore estremamente importante che molti non tengono in piena considerazione.

Proprio come le automobili, la maggior parte delle quali durano dai 150.000 a 200.000 km prima di iniziare ad avere problemi importanti, un computer ha una durata misurabile e prevedibile in un numero di anni.

A seconda della qualità del computer al momento dell’acquisto, questa durata è compresa tra 5 e 10 anni. Più costoso era il computer in origine, più a lungo durerà in genere.

Quali sono i parametri da prendere in considerazione?

Potenza di elaborazione: i computer aggiornano il loro software e il sistema operativo nel tempo e i siti web diventano sempre più complessi con funzionalità visive e interattive.

Questi aggiornamenti richiederanno di conseguenza più “potenza” del computer per funzionare correttamente.

Software obsoleto e incompatibile: senza il più recente sistema operativo, il tuo computer sarà più soggetto alle infezioni da virus e molti nuovi programmi software e persino i siti web semplicemente non funzioneranno affatto (cioè, saranno incompatibili).

Tutti pensano che l’ultimo sistema operativo sia necessariamente quello più adatto alle proprie esigenze, non tenendo conto che inevitabilmente quando qualcosa di nuovo esce deve, volente o nolente, essere testato.

Per i sistemi operativi, ad esempio, effettuare dei test significa rilasciarlo e fare in modo che gli utenti lo vadano ad utilizzare. Certo, non stiamo parlando di un programma in fase beta (ovvero molto grezzo e appena fruibile) ma in ogni caso non completamente “perfetto”.

E’ per questo che ad esempio Microsoft rilascia aggiornamenti frequenti che, oltre ad aggiungere relative nuove funzionalità, va a ripristinare quei bug che non permettono un utilizzo tranquillo del software.

Windows 10 ad esempio è già al suo sesto aggiornamento massivo!

Guasti frequenti: l’elettronica ha una “natura” di semplice guasto senza preavviso. Molte volte non esiste una causa specifica da identificare. Sebbene ciò possa accadere anche su un computer nuovo di zecca, più un computer è vecchio, più è probabile e spesso l’elettronica si guasta. I dischi rigidi sono la causa principale dei guasti in un computer e ogni anno che passa in più, aumenta in modo esponenziale il rischio di un guasto.

Durabilità: l’uso di materiali economici porta un computer a rompersi dopo solo pochi anni di normale utilizzo. I computer economici hanno anche sistemi di raffreddamento semplici ed essenziali che possono portare alla loro completa rottura in pochi anni anziché durare 5-10 anni, come è tipico dei computer più durevoli.

Dopo aver considerato come questi fattori influenzano la durata di vita di un computer, possiamo andare a scoprire che il “costo totale di proprietà” (TCO) spesso si equilibra a un costo “annuale” simile.

Ma prima, cos’è il TCO?

Il costo totale di proprietà (TCO) è una stima finanziaria intesa ad aiutare acquirenti e proprietari a determinare i costi diretti e indiretti di un prodotto o sistema.

Ad esempio, un computer economico da 350-400€ può durare 3-5 anni, ovvero circa 100€ all’anno. Un computer di livello professionale da 600€ invece, con le stesse specifiche prestazionali, può durare per 5-7 anni, il che equivale comunque a circa 100€ all’anno.

La differenza importante però è che il computer da 600€ funzionerà sicuramente meglio e in modo più affidabile durante il periodo di proprietà, fermo restando minimo (!) una manutenzione annuale che la PC SAVE Centro Certificato Assistenza Computer a Roma regolarmente, il che equivale a maggiore produttività e meno frustrazione per te.
il che equivale a maggiore produttività e meno frustrazione per te.

Nel caso del nostro computer con lo schermo rotto, se ha più di 5 anni ed è un computer di fascia bassa, questo è un altro motivo per far effettuare dalla PC SAVE Centro Certificato Assistenza Computer a Roma una diagnosi gratuita e soltanto dopo investire in un nuovo pc più leggero, veloce e funzionale piuttosto che ripararlo.

Considera i costi nascosti dell’acquisto di un nuovo pc

Ci sono molti costi nascosti che potresti non conoscere che sono coinvolti nell’acquisto di un nuovo computer piuttosto che nella riparazione. Andiamo a vedere quali:

Software: poiché il software è “concesso in licenza” e non “di proprietà”, potrebbe non essere consentito trasferire i programmi software su un nuovo computer. Se il tuo software può essere trasferito, avrai anche bisogno delle “chiavi di licenza” del tuo software e talvolta del CD o DVD originale. Se ti sei ricordato di conservare le licenze nessun problema, molte volte però ci si dimentica di certe cose, il che significa che potrebbe essere necessario riacquistare i software nuovamente, per una spesa complessiva di più di 100€.

I tuoi dati: da poco tempo si è diffusa la tecnologia del cloud, molte persone però conservano ancora tutti i loro file personali, documenti, immagini e musica sul disco rigido del proprio computer. Il trasferimento di questi dati sul nuovo computer è una spesa spesso trascurata ma vitale che molti dimenticano di considerare.

Curva di apprendimento: nuovi computer, anche con una differenza di età di solo un paio d’anni, avranno spesso software molto diversi a cui ci vorrà del tempo per abituarsi.
Potrebbe non essere possibile iniziare ad utilizzare il nostro nuovo computer da subito, il che potrebbe causare tempi di inattività imprevisti.

Nel valutare il costo della riparazione rispetto alla sostituzione, è importante considerare non solo il costo della manodopera e dell’hardware, ma anche i costi di accelerazione necessari per rendere operativa una nuova macchina.

Noi di PC SAVE offriamo assistenza per la riparazione del tuo vecchio pc!

 

Riparazione PC vs Acquisto PC – la scelta finale

Dopo aver fatto questa attenta analisi sui pro e i contro del riparare o acquistare un computer, dovresti aver chiaro come muoverti.

Noi di PC SAVE siamo esperti nella riparazione computer, operiamo su tantissimi brand ed in tutta Italia e siamo in grado di spiegarvi nei minimi dettagli, se il vostro computer può valere la pena di essere riparato oppure no.

Se pensi, dopo aver letto la nostra guida, di aver deciso di riparare il tuo computer piuttosto che acquistarne uno nuovo, non esitare a contattarci. La diagnosi e il preventivo sono gratuiti e senza impegno!

Effettuiamo inoltre assistenza computer a Roma su moltissimi brand, la diagnosi e preventivo sono sempre gratuiti e senza impegno.